pianalomasol

Prev Next

Patate quasi terminate

Patate quasi terminate

  Arrivati quasi al termine della stagione 2016/2017, sarà presto ora di tirare le somme per noi di Copag, prima di ripartire il prossimo agosto.                       ...

Completata la semina 2017

Completata la semina 2017

    <<...La civiltà ebbe inizio il giorno in cui per la prima volta l’uomo scavò la terra e vi gettò un seme...>>  (Khalil Gibran)                    ...

Ecco Le Montagnine BIO

Ecco Le Montagnine BIO

Le nostre gustose patate di montagna da oggi le puoi trovare anche BIOLOGICHE.   Coltivate dai nostri soci secondo i disciplinari dell'agricoltura biologica sono certificate dall'ICEA.   Vengono commercializza...

I Soci

 

Oggi, noi agricoltori soci della Cooperativa siamo più di cento. Ciò che ci accomuna tutti è il grande impegno e la profonda passione che da sempre mettiamo nel nostro lavoro.
Il nostro è un mestiere che si tramanda di generazione in generazione, l’abbiamo appreso dai nostri genitori che a loro volta l’hanno appreso dai nonni. Insieme all’esperienza e ai segreti della coltivazione, che applichiamo quotidianamente nei campi, dalla semina fino alla raccolta (Fasi di produzione), abbiamo imparato anche la ritualità e la ciclicità delle stagioni, che da sempre scandisce il ritmo del nostro lavoro.
Una tradizione che ha rischiato di interrompersi quarant’anni fa: solamente l’unione di noi piccoli produttori in una Cooperativa, ha consentito la sopravvivenza della coltivazione della patata di montagna e delle altre colture. Grazie a COPAG la pataticoltura nelle Giudicarie è ancora attiva e fruttuosa sul territorio e noi soci, oggi come ieri, portiamo Le Montagnine sulle tavole dei consumatori!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tradizione e Cooperazione

 

Gli agricoltori delle Giudicarie si erano già riuniti in una Cooperativa negli anni ’20-’30. Nella conca si coltivavano patate, granoturco, frumento e baco da seta, la cui produzione cessò nei primi anni ’40. Nello stesso periodo venne incrementata la produzione di patate, sia da seme che da pasto.

Lo sviluppo del mercato portò negli anni successivi al secondo conflitto mondiale a una minore richiesta e a un conseguente abbassamento del prezzo delle patate, creando enormi difficoltà economiche a molte famiglie. Molti abitanti della Conca, proprietari di piccoli e medi appezzamenti, che vivevano dei prodotti delle loro terre, furono costretti ad abbandonare il paese, cercando fortuna in altri luoghi e in altri settori. La soluzione venne trovata nella modernizzazione delle tecniche di coltivazione e l’introduzione di nuove macchine agricole, che aumentarono la produttività.

 

Le difficoltà però si intensificarono al punto che tra gli anni ‘60 e ‘70 la produzione della patata raggiunse un minimo produttivo. Fu l’intervento dell’Assessorato all’Agricoltura della Provincia insieme al CON.CO.PRA. l’ente che raggruppava tutte le cooperative trentine, a sbloccare la situazione: l’appello a riunirsi in una cooperativa per salvaguardare quel che restava della coltivazione della patata fu accolto dai coltivatori di patate delle Giudicarie esteriori. Così nel 1977 nacque COPAG ed ebbe ufficialmente inizio la nostra storia.

 

Ancora oggi ci ispiriamo ai radicati valori della cooperazione trentina e siamo un punto di riferimento per i soci, fornendo supporto su vari aspetti:

  • Approvvigionamento dei semi e della scelta varietale 
  • Assistenza tecnica sul campo
  • Servizi di logistica (facilitazioni all'immagazzinamento della merce e allo smaltimento dei rifiuti)
  • Immagazzinamento e conservazione del prodotto
  • Attività di commercalizzazione del prodotto
  • Consulenza amministrativa (gestione delle pratiche e varie)

 

Dal primo statuto della cooperativa, 27 luglio 1977:

  • art.1 - È costituita la Società cooperativa a responsabilità limitata con la denominazione Cooperativa Produttori Agricoli Giudicariesi in sigla Co.P.A.G.
  • art.2 - La società si propone di migliorare le condizioni economiche e morali dei soci col promuovere il perfezionamento della produzione agricola o l’incremento delle loro economie rurali, organizzando in forma cooperativistica il rifornimento delle scorte, il miglioramento delle colture, le manipolazioni, trasformazioni e vendite collettive dei prodotti agricoli con particolare riferimento alla patata sia da pasto che da seme e alle colture minori, nonché attuando le iniziative in genere necessarie od utili al proprio scopo. […]
  • art.3 - Possono essere soci gli agricoltori residenti nella zona di attività sociale, che offrano garanzia di onestà e moralità e non abbiano interessi contrastanti con quelli della società. La domanda di ammissione a socio deve essere presentata per iscritto al Consiglio di amministrazione, al quale spetta deliberare in merito. […]

Notizie da Libro Storia della Co.P.A.G. 2009 – presentato ad agosto 2009 in occasione della Festa dell’Agricoltura.

Cornelio Mattei, <<Fatica, impegno, speranza…COPAG, un sogno realizzato>>

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.